Metà o playmaker, non fa molta differenza per Luca Oyen, un piccolo gioiello nato nel 2003 a Genk che può giocare in qualsiasi ruolo a tre o due metà. Certo, con il compito di guidare, più che di rompere il gioco, viste le capacità tecniche che lo contraddistinguono: controllo della palla, visione del gioco e fantasia, proprio le migliori caratteristiche di questo giovane centrocampista belga che Genk lavora per rimanere in casa il più a lungo possibile. E non sarà affatto conveniente, con l’accordo che scadrà nel giugno 2022.

Nome:, Nome:

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY